Posted by & filed under Blog.

detox

La primavera è la stagione del rinnovamento, della rinascita. Anche l’organismo cambia i propri bioritmi per adattarsi ai cambiamenti naturali ed è proprio questo il momento ideale per la detossinazione del corpo: eliminare le scorie accumulate durante l’inverno, alleggerire gli organi emuntori (pelle, reni, fegato) e purificarsi dagli eccessi passati ci aiuteranno a regolare il metabolismo e ad avere un corpo ed un aspetto più radiosi e sani. L’organismo intossicato provoca calo di energia, spossatezza, un assorbimento parziale delle sostanze nutritive, quindi una pelle spenta, possibili problemi ai capelli e alle unghie (legati all’inefficiente assorbimento di minerali e vitamine).. arriva il momento in cui questa mancanza di equilibrio può causarci problemi.
Per purificare l’organismo non è necessario sottoporsi a digiuni forzati o a diete estreme, basta solo rispettare alcuni semplici accorgimenti.

Prendiamoci innanzitutto cura del nostro fegato. La prima regola del detox è quella di alleggerire il fegato da un’alimentazione sregolata, troppo abbondante, troppo condita, troppo ricca di cibi “vuoti”, cioè privi di vitamine e minerali, come i cibi precotti, quelli confezionati, quelli surriscaldati. Per cattiva alimentazione s’intende anche un consumo eccessivo di alimenti acidi, come carni rosse e grassi che rallentano la digestione e sfasano il ph del corpo. Per ripristinare il ph ottimale bisogna limitare tali cibi acidi, in primis i cibi raffinati, fra tutti la farina bianca e i suoi derivati e lo zucchero raffinato.

Qualche piccolo accorgimento nella nostra alimentazione:

  • Appena alzati, a digiuno, è utile bere un bicchiere di acqua a temperatura ambiente in cui sia stato spremuto mezzo limone. Quest’abitudine serve a regolarizzare le funzioni intestinali, a donare luminosità alla pelle, ad idratare l’organismo dopo le ore di sonno.
  • Le bevande zuccherate e quelle gassate non ci aiutano, dunque facciamone a meno per quanto possibile.
  • E’ bene invece aumentare il consumo di acqua, almeno due litri al giorno, e se vi piacciono, scegliete le tisane depurative (possono essere acquistate già pronte al supermercato o si possono far preparare da un erborista). L’importante è che contengano un mix di sostanze funzionali alla depurazione degli organi filtro (per es. tarassaco, bardana e carciofo a cui si possono aggiungere la melissa o la verbena per ottenere un gusto più piacevole).
  • Utile è il consumo di centrifugati di frutta e verdura che permettono di assumere maggiori quantità di vitamine e minerali, senza però dover assorbire le calorie di quel certo ammontare di vegetali e frutta.
  • Ricordiamoci di ridurre il consumo di sale, che è importante per le funzioni del nostro organismo, ma che è presente in tantissimi cibi, dunque facilmente si rischia di eccedere.

E’ dunque possibile purificarci e rimetterci in forma attraverso un nuovo regime alimentare che non implichi necessariamente privazioni e digiuni. Si può partire con una tabella di marcia di qualche giorno, oppure si può scegliere un giorno alla settimana, ma per un anno. L’eliminazione temporanea di proteine, di carboidrati, di coloranti, di conservanti e di additivi è una pausa fondamentale per dare “respiro” al nostro corpo sovraccaricato di lavoro.

Potremmo provare a consumare al posto della pasta, i cereali non raffinati tipo farro, orzo, grano; a cena sarebbe preferibile consumare proteine, preferibilmente provenienti da pesce e carne bianca (meglio evitare le carni rosse, ricche di grassi).
Nella detossinazione è importante ricordarsi di non abbinare insieme proteine vegetali (legumi) con quelle animali, e di accompagnare i piatti con abbondanti quantità di verdure, variando tra le varie specie, così da assumere tutti i nutrienti. Aumentiamo il consumo di pesce, in modo che la pelle e il sistema nervoso siano aiutati dagli omega3 e il colesterolo sia tenuto sotto controllo.
E’ ugualmente importante il consumo quotidiano di frutta, meglio se lontano dai pasti per non appesantire la digestione. Anche in questo caso è bene ruotare, aiutandosi magari col cromatismo, cioè consumare insieme frutta di colori diversi, così da assumere differenti vitamine e minerali. Infine è importante praticare un po’ di moto ogni giorno, così da ossigenare i tessuti, accelerare il metabolismo, incrementare il livello di energia e produrre endorfine, sostanze che danno il buonumore, .

Bisogna mangiare di tutto, alternando gli alimenti ed evitando l’eliminazione di intere famiglie alimentari, perché l’organismo ha bisogno di tutti i nutrienti. L’importante è ridurre le porzioni e puntare sulla qualità dei cibi, dunque meglio quelli integrali che raffinati, meglio crudi che cotti.
Si devono usare metodi di cottura che non alterino le proprietà organolettiche degli alimenti, quindi sì alla cottura al vapore, alla griglia o al forno. Meglio evitare la bollitura che fa perder gli elementi nutrizionali dei cibi. Un’altra regola base è la cottura breve che mantiene integri i contenuti vitaminici dei cibi, a differenza di quella prolungata che spesso genera delle vere e proprie sostanze nocive. Importanti sono le spezie che ci aiutano a limitare l’utilizzo del sale, oltre a dar sapore ai cibi e apportare importanti proprietà nutritive.

Ricordiamoci sempre che il cibo è la medicina più potente ed efficace per il nostro corpo. E ora.. a detoxicarci! 🙂

detox